08 aprile 2022

MS Channel canale 814 Sky

Puntata 10 "Lombardia Sport"

- Rugby - 

Ospiti della Serata 

Marcello Cuttitta e Massimo Giovanelli



Le fotografie contenute in questo sito sono di proprietà esclusiva di © Luca Nava.

 

Ai sensi della Legge sul Diritto di Autore (22.04.1941, n. 633), si fa espressamente divieto di usare: dati, immagini e informazioni contenute in questo sito.

 

E' proibita qualsiasi forma di riproduzione, alterazione o copia senza il permesso scritto. Ogni uso non autorizzato delle immagini sarà perseguito legalmente.

 

In ogni caso, l'utilizzo di materiale appartenente a © Luca Nava, deve essere soggetto ad approvazione dello stesso.

 

In caso di pubblicazione, la menzione del nome dell’autore (Ph. Luca Nava) è obbligatoria ai sensi del DPR 19/79".

 

Per informazioni riguardanti l'utilizzo giornalistico/redazionale o personale delle immagini, e per ulteriori informazioni, contattare l'autore (modulo di contatto).

 

Le immagini raffigurate sono relative alla Puntata n. 10 "Lombardia Sport" del 08 aprile 2022, argomento della serata "Rugby", Ospiti Marcello Cuttitta e Massimo Giovanelli".

 

Realizzazione trasmissione MS Mediasport Group / MS Channel canale 814 Skyconducono in studio Elisa Mazzucchelli e Raffaele Geminiani.

 

c/o Sheraton Milan San Siro - Via Caldera 3 - 20153 Milano (MI) Italy.

Premessa Puntata n. 10 del 08.04.2022

 

Nella puntata odierna si è palato di Rugby con Marcello Cuttitta e Massimo Giovannelli due icone del Rugby Nazionale e Internazionale.

 

Vediamo più da vicino chi sono gli Ospiti della puntata.

 

Marcello Cuttitta è un allenatore ed ex giocatore Italiano di Rugby, attivo nel ruolo di tre quarti ala. Al 2021 è il miglior realizzatore di mete della nazionale italiana, 26, realizzate tra il 1987 e il 1999.

 

Marcello Cuttitta è nato a Latina nel 1966. Rugbisti anche il gemello Massimo e il fratello maggiore Michele, benché quest'ultimo solo a livello dilettantistico.

 

Alla fine degli anni 1960 la famiglia si trasferì a Durban, in Sudafrica, dove i tre fratelli Cuttitta iniziarono la pratica del rugby e, al ritorno in Italia nel 1985, furono ingaggiati a l’Aquila; successivamente, il fratello maggiore Michele si dedicò agli studi di ingegneria, e a intraprendere la carriera sportiva di alto livello rimasero i due gemelli: Massimo, pilone, e Marcello, ala.

 

In tale ruolo Marcello Cuttitta si mise in luce, e fu convocato da Marco Bollesan per la Nazionale che affrontò gli impegni di Coppa FIRA 1985-87: esordì a Lisbona il 18 gennaio 1987 contro il Portogallo e nel maggio successivo, con solo tre incontri internazionali alle spalle, prese parte alla prima Coppa del Mondo in Australia e Nuova Zelanda, disputando il primo incontro in assoluto della competizione, quello degli azzurri contro gli All Blacks.

 

Nel 1988 si trasferì, insieme a Massimo, all'Amatori Milano, poi Milan, rimanendovi 10 stagioni e formando insieme ad altri internazionali quali Croci, Dominguez, Vaccari e Properzi l'ossatura di una squadra che dal 1991 al 1996 vinse quattro titoli nazionali e una Coppa Italia.

 

Dal 1990 in poi militò in coppia con suo fratello in Nazionale; entrambi presero parte alla Coppa del Mondo di Rugby 1991 in Inghilterra e, successivamente, a quella del 1995 in Sudafrica, l'ultima per tutti e due i fratelli. Entrambi fecero parte della Nazionale che vinse la finale della Coppa FIRA 1995-97 a Grenoble contro la Francia, che diede all'Italia al contempo la prima vittoria in una competizione ufficiale, la conquista del titolo di campione d'Europa e soprattutto la prima vittoria sui transalpini.

 

Nel 1998 prese una strada diversa da quella di Massimo: quest'ultimo si recò a Londra negli Harlequins, mentre Marcello andò al Calvisano, dove chiuse la carriera agonistica nel 2000. Con 26 mete internazionali Marcello Cuttitta è il miglior realizzatore della storia della nazionale italiana: precede Vaccari (22) e Carlo Checchinato (21). Vanta anche un invito nei Barbarians, per i quali disputò, sempre insieme al fratello un incontro il 17 marzo 1998 a Leicester contro la locale compagine (73-19 fu il risultato per il prestigioso club multinazionale).

 

Divenuto allenatore, tornò all'Amatori Milano e, dopo la chiusura del club, al Rugby Pieve, in Emilia-Romagna. Nel 2013 fu nello staff del Lyons di Settimo Milanese di cui divenne allenatore capo nel 2015 e, a seguire, dal 2018 al 2019 fu direttore tecnico presso il Novara Rugby. Nel 1999 il giornalista neozelandese di rugby Keith Quinn incluse Marcello Cuttitta nella lista dei cento migliori rugbisti del XX secolo nel suo A Century of Greats.

 

Palmarès

 

1988 - 10 presenze in Nazionale - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1991 - Campione Italiano - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1992 - 2° classificato Coppa Europa - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1993 - Campione Italiano - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1994 - 2° classificato Coppa Europa - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1995 - Campione Italiano - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1996 - Campione Italiano - Medaglia di bronzo al valore atletico;

 

1996 - Campione Europeo - Medaglia d’argento al valore atletico;

 

1999 - 20 presenze in Nazionale - Medaglia di bronzo al valore atletico.

Massimo Giovanelli, nato a Noceto il 1° marzo 1967, è un rugbista a 15 e dirigente sportivo italiano, 37 volte capitano della Nazionale, nella quale vanta 60 presenze nel ruolo di terza linea e la convocazione in tre edizioni della coppa del Mondo.

 

Giovanelli crebbe nelle giovanili del Noceto, club del centro in provincia di Parma nel quale è nato; esordì in prima squadra nel 1984 in un match di campionato contro Roma.

 

Nel 1989 esordì in Nazionale in un test match contro lo Zimbawe, sotto la guida tecnica di Bertrans Fourcade, e poco dopo disputò il suo primo match in una competizione ufficiale nel corso della Coppa FIRA 1989-90 a Mosca contro l'Unione Sovietica.

 

Dopo sette stagioni al Noceto, fu ingaggiato dal Milan, con il quale vinse tre titoli di campione d'Italia fino al 1997. Nello stesso anno del suo trasferimento a Milano disputò anche la Coppa del Mondo Rugby 1991 in Inghilterra, durante la quale scese in campo da titolare in due incontri.

 

Prese parte anche alla Coppa del Mondo Rugby 1995 in Sudafrica e alla vittoria dell'edizione Coppa FIRA 1995/97, in cui l'Italia si laureò campione d'Europa battendo per la prima volta nella sua storia la Francia nella finale di Grenoble.

 

Nel 1997 Giovanelli si trasferì in Francia, dapprima al Paris Université Club Rugby, il centro universitario sportivo parigino, e nel 1998 al Narbonne.

 

Nel 1999 partecipò alla sua terza consecutiva, e ultima, Coppa del Mondo, in Calles; nel 2000 prese parte alla prima edizione del Sei Nazioni, del quale giocò l'incontro inaugurale, la vittoria per 34-22 sulla Scozia: quella fu anche l'ultima maglia azzurra di Giovanelli, la sessantesima.

 

Un problema alla retina lo costrinse al ritiro internazionale e ne mise in forse anche il prosieguo di carriera.

Il 17 febbraio 200 fu iscritto, insieme all'inglese Rory Underwood, nel Twickenham Wall of Fame, elenco di rugbisti celebri che figurano nel museo della Rugby Football Union presso il celebre stadio della capitale inglese.

 

Nel 2003 si laureò in architettura nella stessa sessione d'esami del suo compagno di Nazionale Paolo Vaccari, e più tardi tornò a giocare nel Colorno, squadra del parmense.

 

Il 2 maggio 2007, avendo raggiunto il limite di legge per l'attività agonistica, fissato per il rugby a 40 anni, disputò il suo ultimo incontro con la maglia del Colorno; al termine dell'incontro, nel quale rimase in campo per tutti gli 80', Giovanelli fu salutato da tutto lo stadio.

 

In seguito si propose per la carica di consigliere alle elezioni federali F.I.R. del settembre 2008, denunciando tuttavia irregolarità nella presentazione della documentazione di altri candidati, cosa che a suo dire l'avrebbe sfavorito risultando egli il primo dei non eletti.

 

È stato il direttore sportivo dell'Amatori Milano, alla cui ricostituzione nel 2002 partecipò dopo la cessione del titolo sportivo della società, avvenuta nel 1998, al Calvisano.

 

Ha poi ricoperto il ruolo di direttore sportivo dei Crociati Parma fino alla fine del campionato 2012-2013 quando la società si è sciolta.

 

Palmarès

 

1995-97 - Coppa FIRA;

 

1992-93 - 1994-95 - 1995-96 - Campionati Italiani Amatori Milano - Milan

 

1994-95 - Coppa Italia - Milan

 

(Fonte Web)

I Conduttori

 

Elisa Mazzucchelli.

Giovane presentatrice televisiva e in stream, ha studiato giornalismo politico all’università di Genova.

Raffaele Geminiani.

Architetto/Scrittore, ha ideato e condotto il Talk Show Sportivo/Teatrale “Il Re è Nudo”. Candidato all'Ambrogino d'Oro nel 2018.

 

Redattore del network online La.CRO.S.S. (L'associazione dei Cronisti e Storici dello Sport).

 

Coautore, insieme alla giornalista Giuliana Cassani ed a Coroseduto del video natalizio Chistmas Athletic Choir visto in tutta Europa da milioni di telespettatori.

 

Per chi fosse interessato alla registrazione della puntata prossimamente, come sarà disponibile, vi indicherò il link diretto al servizio On demand.

 

Ed ora vi lascio alla mia gallery fotografica.

 

Buona visione.

 

La Gallery Fotografica della puntata

Pubblicato in data: 08 aprile 2022

Stampa | Mappa del sito
© Luca Nava Fotografo. All right reserved. - Milano - Partita IVA: 06358460969 - "Professionista associato ad Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual" - Fotografo Professionista Certificato NPS (Nikon Professional Services).